Fondazione "Barone Giuseppe Lucifero di S.Nicolò"

Dove siamo

 Capo Milazzo e la Baronia

In uno scenario di rara e suggestiva bellezza si trova Capo Milazzo, un piccolo promontorio, nel Mar Tirreno, proteso verso le isole Eolie, baciato dal sole, lambito dal mare e accarezzato dal vento, che, con la sua nera e fertile terra, ospita rigogliosi vigneti e uliveti secolari, racchiudendo, al suo interno, nella parte più estrema, come in un prezioso scrigno, la "Baronia", ossia un complesso architettonico e naturalistico di particolare valenza, sito nella omonima contrada, comprendente la Villa patrizia dei Lucifero e la relativa tenuta, oggi di proprietà della Fondazione Lucifero.

Ed è proprio la Baronia ad ospitare, da oltre un decennio, "Gigliopoli: la città dei bambini spensierati", un sogno diventato pian piano realtà, una piccola città a misura di bambino che mette in contatto i suoi abitanti con fatti straordinari e realtà quotidiane, una città speciale, ecologica e rispettosa dell'ambiente ma anche una città dove vengono applicate le regole della cittadinanza attiva, una vera e propria comunità, in cui ognuno, con pari dignità, opera per garantire il benessere proprio e degli altri e per ampliare il proprio grado di consapevolezza critica e comprensione umana.

La collocazione dell’iniziativa in questo luogo permette ai bambini di riscoprire il rapporto con i ritmi e le ricchezze della Natura e di progettare uno sviluppo educativo ecologicamente e socialmente sostenibile, incentrato sul rispetto dell’uomo e dell’ambiente.

Capo Milazzo, terra splendida e ricca di storia (proprio qui, guidati da Caio Duilio, i Romani conseguirono, nel 260 a.C., nel corso della prima guerra punica, la loro prima vittoria sulla flotta cartaginesese), è, nel contempo, un'area di grandissimo pregio tanto da essere stata considerata di notevole interesse sia sul piano ambientale, per la peculiarità degli aspetti naturalistici, geomorfologici e antropici, che su quello architettonico e urbanistico, per le testimonianze dei diversi periodi storici e culturali, e da essere stata segnalata alla Comunità Europea come area S.I.C. (Sito di Importanza Comunitaria) con Decreto Ministeriale 3/4/2000.

L’estrema punta del Promontorio, ai sensi delle Direttive Comunitarie 92/43 e 79/409, é stata, pertanto, posta sotto tutela in quanto sito degno di conservazione per la presenza di zone terrestri e acquatiche dalle particolari caratteristiche geografiche, abiotiche e biotiche, naturali o seminaturali (habitat naturali) e risulta iscritta nei formulari standard “Natura 2000” con il codice “ITA030032 Capo Milazzo”.

Il Promontorio è caratterizzato, infatti, da esempi unici di erosioni e formazioni geologiche del tutto particolari ed è coperto da una macchia mediterranea ricca di fauna selvatica oltre ad essere importante luogo di sosta per gli uccelli migratori, come l'airone e le cicogne.

In un contesto territoriale di pregio naturale ed ambientale, sia sotto il profilo paesaggistico che panoramico, come quello appena brevemente tratteggiato, si inserisce l’intero complesso architettonico denominato “Fondazione Barone Giuseppe Lucifero di S. Nicolò” - che comprende gli edifici della Villa, con annessa Chiesa di S.Nicolò, ed i terreni della tenuta - riconosciuto di particolare e rilevante interesse e sottoposto a vincolo storico - paesaggistico, ai sensi degli artt. 1 e 4 della Legge n°1089 dell'1/6/1939 e dell’art.2 della Legge Regionale  n°80 de1/8/1977, con D.A. n. 6690 del 10/11/1992 (declaratoria di interesse architettonico), n.4906 del 31/12/1992 (vincolo di interesse naturale e naturalistico), n.7544 del 31/12/1992 (vincolo indiretto ai sensi della L.n.1089/1939).

Il complesso architettonico, risalente presumibilmente alla prima metà del '600, fu costruito ad opera del Barone Onofrio Baeli, che, in aggiunta alla villa padronale, con annesso edificio a servizio, volle edificare anche la cappella di S.Nicolò, per sostituire l'omonima chiesetta che si trovava nei pressi dell'attuale Faro di Capo Milazzo. L'edificio ha, poi, in seguito, subìto rimaneggiamenti e restauri e si presenta oggi con un'impronta ottocentesca.

Feudo dei Baeli del Seicento, la "Baronia", denominata di S.Nicolò, ricopriva una vasta proprietà terriera di uliveti e vigneti di Capo Milazzo e diede il nome all'intera contrada dell'estremo promontorio. Nel 1751 venne trasmessa, insieme al titolo, per successione, al nobile Paolo Lucifero, antenato del Barone Giuseppe Lucifero, al cui nome è intitolato l'Ente, che la figlia Maria Lucifero, ultima erede diretta e nubile, deceduta a Bari il 19/12/1956, ebbe l'onere di istituire nel suo testamento.

 

 


Contattaci

*  (leggi)

INFORMATIVA EX ART.13 D.LGS. 196/2003
(“Codice in materia di protezione dei dati personali”)

Gentile sig./sig.ra, Ai sensi dell’articolo 13 del D.lgs. n.196/2003,
recante disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, desideriamo fornirLe le seguenti informazioni:
1) I dati da Lei forniti verranno trattati per ottemperare agli obblighi previsti dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria, ed in particolare per inviare materiale pubblicitario o informativo, inviare informazioni commerciali, effettuare comunicazioni commerciali interattive.
2) Il trattamento sarà effettuato usando supporti cartacei o informatici e/o telematici anche ad opera di terzi per i quali la conoscenza dei suoi dati personali risulti essere necessaria o comunque funzionale allo svolgimento dell’attività della nostra Ditta; in ogni caso il trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.
3) Il titolare del trattamento è: Fondazione "Barone Giuseppe Lucifero di S.Nicolò"
4) In ogni momento potrà esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell’art.7 del D.lgs.196/2003, che per Sua comodità riproduciamo integralmente: Decreto Legislativo n.196/2003, Art. 7 - Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti 1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati. 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta; b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Il/la sottoscritto/a, acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196/2003, presta il suo consenso al trattamento dei dati personali per i fini indicati nella suddetta informativa?

La nostra sede

Informazioni

C/da Baronia (Capo Milazzo), 338 - 98057 Milazzo (ME)
pec: fondazionelucifero@pec.ito

Puoi scriverci all’indirizzo:
fondazionelucifero@tiscali.it

Se invece preferisci telefonare:
090.9221402